Terre e rocce da scavo


Il trattamento dei materiali di scarto provenienti dai cantieri edilizi, costituiti da terra e rocce degli scavi, è stato introdotto dall’art. 186 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico per l’Ambiente e regolamentato con successivo Decreto Ministeriale attuativo.

Per quanto concerne la gestione di grandi quantitativi di scavo, di volume compreso tra 6.000 e 150.000 mc ed oltre si deve far riferimento dunque al suddetto Regolamento ministeriale.

 Per la disciplina di volumi di scavo inferiori ai 6.000 mc, provenienti da cantieri di piccole dimensioni, per la quale la legge nazionale rimanda ad apposito decreto attuativo ancora da approvare, (art. 266 del T.U. per l’Ambiente), la Regione Veneto aveva emesso apposita delibera n. 179/2013, dichiarata successivamente illegittima dalla corte costituzionale.

 Pertanto, allo stato attuale, si deve far riferimento a due note esplicative regionali sulle dichiarazioni obbligatorie ai sensi dell’art. 41 bis della legge 98/2013 (cd “Decreto del fare”) da inoltrare all’Agenzia Regionale Per l’Ambiente del Veneto (ARPAV) e al Comune/i interessato/i:

  • la prima nota prot. n. 397711 del 23/09/2013 fornisce la modulistica per l’inoltro della documentazione riguardante lo smaltimento o il riutilizzo delle terre e rocce da scavo in un sito diverso da quello di produzione;
  • la seconda nota prot. n. 88720 del 28/02/2014 fornisce chiarimenti sulla documentazione da inoltrare in caso di completo riutilizzo dei materiali di scavo all’interno del cantiere di produzione.

Recentemente è uscita una nota informativa dell’ARPAV per l’accesso al nuovo servizio di compilazione informatizzata della suddetta modulistica. Per saperne di più potete leggere l’informativa e contattare gli indirizzi ivi forniti.

Normativa di riferimento

  • Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 “Norme in materia ambientale
  • Decreto Ministeriale 10 agosto 2012, n.161 “Regolamento recante la disciplina dell’utilizzazione delle terre e rocce da scavo
  • Legge 9 agosto 2013, n. 98 Conversione, con modificazioni, del decreto –legge 21 giugno 2013, n.69 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia” (cd Decreto del Fare)

 

Per fare segnalazioni e proposte sui contenuti del S.U.E. online contattateci all’indirizzo di posta elettronica “prontoweb.sue@comune.treviso.it