Tu sei qui: Home
Esercizio del diritto di prelazione
Ufficio di riferimento: Servizio Attività Edilizia - Settore Sportello Unico e Turismo

Indirizzo Palazzo Rinaldi, Piazza Rinaldi, 1
Contatti e orari
Ufficio Contabilità: tel. 658562

Di cosa si tratta
Il diritto di prelazione attribuisce al suo titolare una posizione di preferenza rispetto ad altri soggetti, a parità di altre condizioni, ai fini della costituzione di un contratto come la compravendita. L’obbligo del concedente la prelazione consiste nel comunicare al titolare del diritto di prelazione o “prelazionario” la propria volontà di concludere il contratto, le condizioni ed il termine per poter esercitare la prelazione.
Il concedente la prelazione deve chiedere al prelazionario di pronunciarsi in merito all’esercizio o meno della facoltà di avvalersi del diritto di prelazione sull’immobile, in virtù di quanto previsto dall’originaria convenzione. Il prelazionario che non vuole esercitare il proprio diritto di prelazione deve darne comunicazione espressa al concedente.
Più precisamente, il diritto di prelazione a favore del Comune di Treviso riguarda i casi sottodescritti:
1)    Trasformazione del diritto di superficie e svincolo limiti PEEP (procedimento in capo al Servizio Patrimonio). Per maggiori info clicca qui
2)    Autorizzazione alla vendita di alloggio in area PEEP (procedimento in capo al Settore Pianificazione Territoriale e urbanistica). Per maggiori info clicca qui
3)    Autorizzazione alla locazione/vendita di alloggio soggetto ad obblighi sottoscritti ai sensi dell’art. 9, lett. b) della L. n. 10/1977, procedimento a capo del Servizio Attività Edilizia.
Qui di seguito facciamo riferimento al procedimento individuato al punto 3 dell’elenco.

Chi può presentare la domanda
Qualsiasi persona fisica o giuridica avente titolo su un immobile vincolato da specifici obblighi derivanti da convenzione (vedi scheda “Soggetti aventi titolo e documenti attestanti il titolo”) che voglia alienarlo, o concederlo in locazione.

Come fare
La richiesta, predisposta su apposito modulo allegato alla presente scheda, va trasmessa via PEC all’ufficio Protocollo del Comune di Treviso, corredata dalla documentazione prevista.

Tempi
Il Comune si pronuncerà sull’esercizio o meno del diritto di prelazione ad esso spettante entro 60 giorni.

Quanto costa
Il procedimento non è soggetto ad alcun costo per l’interessato.

Normativa di riferimento
Legge n. 10/1977 "Norme in materia di edificabilità dei suoli", art. 9 comma 1 lett. b
Ultimo aggiornamento: 2018-09-10 12:57:39


E' stata utile questa pagina?

(opzionale):