Tu sei qui: Home
Sanzioni - Sequestro sanitario ed amministrativo
Ufficio di riferimento: Commercio su aree pubbliche e Sanità

Indirizzo Palazzo Rinaldi - Piazza Rinaldi, 1 - 31100 Treviso
Telefono 0422 658227
Orario
Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato
9.00-12.00

orario continuato

9.00-17.00











Di cosa si tratta

L'organo accertatore (NAS, PL, Capitaneria di porto,...) trasmette il verbale di sequestro al Comune anche a mezzo fax; entro 48 ore il Comune convalida il sequestro sanitario, altrimenti decade. L'autorità sanitaria può procedere, in qualunque momento, a mezzo dei competenti organi ed uffici di controllo, all'ispezione e prelievo di campioni ed al sequestro delle sostanze alimentari, ove dagli accertamenti eseguiti risulti necessario per la tutela della salute pubblica.
Entro 10 giorni il soggetto a cui hanno sequestrato la merce può chiedere il dissequestro, motivando l'istanza. Ottenuto il nulla osta delle autorità competenti si provvede ad emettere il provvedimento di dissequestro con eventuale distruzione entro 90 giorni.

  

A chi si rivolge

  • Agli operatori del settore alimentare
  • Agli operatori che commercializzano prodotti del settore non alimentare* (es.cosmesi)  
  • esercizio di professioni in assenza dei requisiti professionali ed igienico sanitari richiesti (es. acconciatori, estetiste abusive)


Come fare

L'operatore può chiedere il dissequestro delle sostanze alimentari sottoposte al sequestro sanitario entro 10 giorni.

Non vi è termine per richiedere il dissequestro amministrativo.

Per ulteriori informazioni consultare la scheda informativa.

 


Normativa di riferimento

  • L. 30.4.1962 n. 283
  • DPR n. 327/1980 art.20
  • L. 24.11.1981 n. 689
  • D. lgs. n. 123/1993 art.1
  • D. Lgs. n. 282/1986 art. 4
  • L. n. 23.12.1978 n. 833

Note

La procedura al sequestro amministrativo e sanitario è di natura complessa in considerazione delle motivazioni che determinano il tipo di sequestro da parte degli organi accertatori ed alla differente normativa che lo disciplina.
In particolare: il sequestro amministrativo è disciplinato dalla legge n. 689/1981, che ha modificato il sistema penale introducendo la depenalizzazione in merito ad alcune violazioni; il sequestro sanitario, principalmente riferito a merci destinate all'alimentazione, è disciplinato dal DPR n. 327/80, in questo caso il Sindaco agisce quale Autorità sanitaria locale.
Il sequestro sanitario implica per la maggior parte delle volte il prelievo di campioni, che vengono sottoposti ad analisi presso istituti specializzati autorizzati.
Si evidenzia che il sequestro amministrativo è quasi sempre cautelare facoltativo (ossia confisca della cosa che è servita ad attuare la violazione), mentre quello sanitario è preventivo (ossia sequestro della cosa che apparentemente può essere dannosa all'igiene e salute pubblica), in ogni caso il sequestro è un atto prettamente cautelare, adottato in via preventiva.

*E' competente la CCIAA per sequestri di prodotti contraffatti (giocattoli, tessili, marchiature CE, altro).

  


Ultimo aggiornamento: 2016-07-19 13:32:47


E' stata utile questa pagina?

(opzionale):