Tu sei qui: Home
Pubblicazioni di matrimonio
Ufficio di riferimento: Stato Civile

Indirizzo Palazzo Rinaldi - Piazza Rinaldi, 1 - 31100 Treviso
Telefono 0422 658213 - 222 - 223 (lun.-ven.: 8.30-9.00 e 12.30-13.30 / merc.: 8.30-9.00 e 16.30-17.30
Fax 0422 658390
E-mail statocivile@comune.treviso.it
Orario
sportelli Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato
Mattina

10.30-12.30

no cittadinanze

10.30-12.30

 no cittadinanze

chiuso
chiuso

08.30-10.30

  no cittadinanze

 chiuso

(operatività solo per denunce di morte e per la celebrazione di matrimoni/unioni civili) 

 


Pomeriggio
  14.30-16.30

orari a partire dal 09 settembre 2019 

Si avvisa che le prenotazioni per  matrimoni/unioni civili da celebrare nell'anno 2020 si faranno a partire dal giorno 4 novembre 2019.
 



Di cosa si tratta

Le pubblicazioni di matrimonio sono un procedimento diretto a verificare che non sussistano impedimenti al matrimonio per i futuri sposi. L'atto di pubblicazione, contenente la volontà di contrarre matrimonio, è affisso/pubblicato nell'albo pretorio on line (link a fondo pagina) per otto (8) giorni consecutivi.
Chi è a conoscenza di impedimenti al matrimonio ha ulteriori tre (3) giorni di tempo per proporre opposizione alla celebrazione.
Dal dodicesimo giorno l'Ufficiale dello Stato civile rilascia il certificato di eseguite pubblicazioni che conserva la validità per un massimo di centottanta (180) giorni.

Competente alle pubblicazioni è l'ufficiale dello Stato civile del Comune di residenza.
Se le residenze dei futuri sposi sono diverse, la richiesta delle pubblicazioni andrà presentata in uno dei due comuni; la pubblicazione nell'altro comune avverrà d'ufficio.

Nel Comune di Treviso le pubblicazioni matrimoniali sono effettuate solo su appuntamento contattando l'ufficio matrimoni, anche telefonicamente al n. 0422/658223.


Chi può fare richiesta

  • cittadini maggiorenni, liberi da vincolo matrimoniale o da altri impedimenti;
  • cittadini minorenni (sedici/diciassettenni), dopo aver ottenuto il decreto di autorizzazione dal Tribunale dei Minori.

Cosa serve

L'ufficio Matrimoni provvede ad acquisire d'ufficio la documentazione utile ai fini della pubblicazione.

I futuri sposi procurano autonomamente:

  • il proprio documento di identità valido e/o quello del delegato;
  • in caso di matrimonio concordatario: la richiesta di pubblicazioni civili da parte del parroco (mod. X);
  • i cittadini stranieri:
    - devono presentarsi muniti di passaporto o carta di identità del proprio Stato se comunitari;
    - devono provvedere personalmente ad ottenere nulla-osta al matrimonio o certificato di capacità matrimoniale presso la propria Ambasciata o Consolato con sede in Italia (ogni stato ha documentazione propria); la predetta documentazione va legalizzata ove previsto presso una Prefettura Italiana (Prefettura di Treviso - link a fondo pagina);
    - se uno o entrambi i futuri sposi non conoscono la lingua italiana, devono essere accompagnati da un interprete munito di documento di identità valido.

Costo

- 1 (una) marca da bollo da euro 16,00, se emtrambi i futuri sposi sono residenti a Treviso;
- 2 (due) marche da bollo da euro 16,00, se i futuri sposi sono residenti in comuni diversi.

NOTA: Il regime patrimoniale legale tra i coniugi, nel silenzio delle parti, è quello della comunione dei beni; gli sposi, al momento della celebrazione del matrimonio, possono tuttavia optare per il regime patrimoniale della separazione dei beni o, ove sussistano le condizioni, il regime di cui all'art. 30 Legge n. 218/1995.


Dove recarsi e quando

1. Richiesta di pubblicazioni di matrimonio civile

- futuri sposi residenti a Treviso: devono rivolgersi all'ufficio Matrimoni del Comune di Treviso. Le pubblicazioni si effettuano solo su appuntamento negli orari sopraindicati. Per informazioni e prenotazioni telefoniche: 0422/658223;

- futuri sposi non residenti a Treviso: devono rivolgersi all'ufficio Matrimoni del proprio comune di residenza. Se i futuri sposi intendono contrarre matrimonio presso il Comune di Treviso devono preventivamente verificare la disponibilità della sala presso l'ufficio Matrimoni - tel:0422/658223.

- Tempistica
* futuri sposi cittadini italiani:
la procedura va avviata almeno un mese e mezzo prima delle nozze;
* futuri sposi cittadini stranieri: considerato che vanno coinvolte anche le proprie autorità straniere di riferimento, la procedura va presentata preferibilmente almeno due mesi e mezzo prima delle nozze.


2. Richiesta di pubblicazioni di matrimonio concordatario

I riferimenti e la tempistica sono gli stessi previsti per le pubblicazioni matrimoniali di rito civile.

Documento necessario specifico: la richiesta di pubblicazioni civili da parte del parroco (Mod. X).


3. Richiesta di pubblicazioni di matrimonio acattolico

I futuri sposi comunicheranno personalmente all'Ufficiale dello Stato civile l'intenzione di contrarre matrimonio secondo il culto professato e, se necessario, il nominativo del Ministro di culto e gli estremi del Decreto ministeriale da cui risulti l'approvazione della nomina.

I riferimenti e la tempistica sono gli stessi previsti per le pubblicazioni matrimoniali di rito civile.

LINK UTILI

Prefettura di Treviso - legalizzazioni

Albo Pretorio on line


Normativa di riferimento

D.P.R. 3.11.2000 n. 396 - "Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile a norma dell'art. 2 comma 12 della Legge 15 maggio 1997 n. 127" e circolari relative;
Codice Civile - artt. 84 e seguenti;
Legge 27.05.1929 n. 847 art. 6 - "Disposizioni per l'applicazione del concordato dell'11 febbraio 1929 tra Santa Sede e Stato Italiano";
Legge 25.05.1985 n. 121 art. 8 - "Modificazioni del concordato lateranense dell'11 febbraio 1929";
Legge 31.05.1995 n. 218 - "Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato";
Legge 13.10.1965 n. 1195 - riguardante "l'accordo tra Stato Italiano e U.S.A. per i matrimoni in Italia di cittadini statunitensi";
Legge 27.09.2002 n. 233 - riguardante "l'accordo tra Stato Italiano e Australia per i matrimoni in Italia di cittadini australiani";
Convenzione di Monaco del 5.09.1980 - "rilascio del certificato di capacità matrimoniale";
Legge 24.07.1954 n. 722 - riguardante "lo statuto dei rifugiati";
Altre convenzioni sul sito www.ciec1.org


Ultimo aggiornamento: 2019-07-29 15:15:53


E' stata utile questa pagina?

(opzionale):