Concessione d'uso temporanea delle sale e degli immobili comunali
Ufficio di riferimento: Protocollo generale

Indirizzo Ca' Sugana - Via Municipio,16 - 31100 Treviso
Telefono 0422 658214
Fax 0422 658201
E-mail protocollo@comune.treviso.it
Orario

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato
Mattina  8.30-13.00  8.30-13.00 8.30- 17.30
8.30-13.00
 8.30-13.00 8.30-13.00
Pomeriggio  15.30-17.30
continuato
 


Di cosa si tratta

Il Comune di Treviso, con Deliberazione di Consiglio n.77 del 29 ottobre 2014 favorisce la più ampia fruibilità delle sale e degli immobili di proprietà o in disponibilità, che possono essere adibiti per iniziative culturali e/o educative e di carattere sociale e politico, salvo specifiche limitazioni dettate dalla specificità delle funzioni e delle caratteristiche degli immobili al fine di:

  • promuovere e stimolare iniziative dirette allo sviluppo dei processi democratico - partecipativi;
  • favorire la partecipazione dei cittadini alla vita associativa e al dibattito politico;

A chi si rivolge

Le sale e gli immobili possono essere concessi in uso a:

  • Istituzioni ed Enti pubblici;
  • Associazioni/organismi regolarmente costituiti: associazioni di volontariato, associazioni culturali, associazioni giovanili, scuole, società sportive, sindacati, comitati di operatori economici, gruppi consiliari, partiti politici;
  • Associazioni/gruppi informali non regolarmente costituiti;
  • Persone fisiche e giuridiche.

Come fare

  • La richiesta va formulata all'Ente utilizzando il modello sottostante, oppure questo form online, presente qui non prima di 60 ed entro 20 giorni dalla data dell'evento, e consegnata in forma cartacea allo sportello del Servizio Protocollo Generale, (a Ca' Sugana) o inviata con posta elettronica (PEC) al seguente indirizzo: postacertificata@cert.comune.treviso.it

In caso di più richieste per lo stesso periodo, verrà accordata la priorità secondo l'ordine cronologico di presentazione all'Ufficio Protocollo del Comune.

Il Comune rilascia la concessione d'uso a condizione che nel periodo richiesto non siano previste iniziative proprie.

I locali e i beni comunali sono prioritariamente utilizzati per iniziative, manifestazioni e attività istituzionali direttamente promosse, gestite e/o patrocinate dal Comune.

Le sale e gli immobili comunali non possono essere utilizzati per iniziative in contrasto con la legge o con lo Statuto comunale. Sono escluse tutte le attività che abbiano esclusivamente finalità commerciali e/o di lucro.

Durante le campagne elettorali l'uso di sale e locali di proprietà comunale per manifestazioni che in qualunque modo siano collegate a gruppi e partiti politici o a singoli candidati à disciplinata dalla normativa specifica della materia.

Nel caso di concerti e/o spettacoli l'utilizzatore deve farsi carico di tutti gli adempimenti fiscali ed amministrativi inerenti (emissione biglietti, corrispettivi S.I.A.E.., ecc).

I locali sono concessi per favorire lo svolgimento di iniziative a carattere di promozione sociale e culturale, artistica ed educativa, quali assemblee, dibattiti, incontri ed ogni altro tipo di attività politica, sociale, sindacale, culturale, che non abbia scopo di lucro. In particolare si individuano i seguenti ambiti di interesse:

  1. cultura, tutela e valorizzazione dei beni artistici, bibliografici, monumentali e storici;
  2. attività scientifiche;
  3. interventi a favore della condizione giovanile;
  4. attività ricreative e del tempo libero;
  5. attività educative e formative;
  6. sport, attività motorie, educazione alla salute;
  7. attività rivolte alla tutela e alla conoscenza dei valori ambientali e dei beni naturali, protezione degli animali;
  8. sviluppo delle vocazioni economiche e turistiche;
  9. attivitàumanitarie, volontariato e sociale;
  10. impegno civile, tutela e promozione dei diritti umani e delle persone;
  11. tutela della salute;
  12. feste, rinfreschi e intrattenimenti organizzati in occasione di particolari ricorrenze (restano a carico del concessionario tutti gli adempimenti relativi a prescrizioni, obblighi o autorizzazioni e, per i minori, è richiesta la presenza di persone adulte che assumano la responsabilità dell'evento);
  13. m) celebrazione di matrimoni civili.

Dove rivolgersi

Per informazioni di carattere generale rivolgersi al Servizio Protocollo Tel. 0422 658216 Fax 0422 658201.

Tariffario

Il richiedente è tenuto a corrispondere una tariffa onnicomprensiva delle spese e dei costi di gestione delle sale e degli immobili.
L'ammontare è determinato e aggiornato periodicamente con deliberazione della Giunta Comunale, che ha facoltà di modificarlo annualmente in occasione dell'approvazione del Bilancio di Previsione.
La quantificazione della tariffa è operata individuando tre distinte fasce:

  • Tariffa A - Intera
  • Tariffa B - Ridotta al 50%: iniziative realizzate con il Patrocinio del Comune di Treviso;
  • Tariffa C - Gratuita: iniziative realizzate in co organizzazione con il Comune di Treviso o in altre ipotesi.

Gli importi delle tariffe si differenziano in relazione alla tipologia ed alle caratteristiche tecniche ed architettoniche del bene, al tipo di evento, al soggetto richiedente, all'orario di utilizzo ed alla durata della concessione, nonchè ai servizi garantiti dall'Amministrazione.

Sono a carico del concessionario tutti i costi relativi a prestazioni o servizi dallo stesso sostenuti per lo svolgimento delle singole manifestazioni.


Il concessionario dovrà versare il relativo importo presso la Tesoreria Comunale, prima dell'effettivo utilizzo.

Gratuità 


Nel caso sia prevista la gratuità o la riduzione della tariffa, la minore entrata sarà considerata come contributo in servizi.

Le sale e gli immobili comunali sono concessi gratuitamente a:

  • enti locali ed enti pubblici in genere;
  • soggetti privati e associazioni iscritte al registro comunale delle associazioni, nel caso l'attività o l'iniziativa rivesta particolare rilievo ed interesse pubblico e sia organizzata in collaborazione con il Comune di Treviso, su richiesta dell'Assessore di riferimento;
  • gruppi consiliari presenti in Comune e partiti rappresentati in Consiglio comunale, in Consiglio regionale o in Parlamento;

Nel caso le associazioni iscritte al Registro comunale delle associazioni, organizzino attività senza la collaborazione con il Comune di Treviso, dovranno pagare le sole spese d'esercizio (utenze, personale, pulizie) ed in ogni caso nei limiti della tariffa A.

Normativa di riferimento

Regolamento sull'utilizzo delle sale e degli immobili comunali


Ultimo aggiornamento: 2016-07-14 13:53:37


E' stata utile questa pagina?

(opzionale):