Tu sei qui: Home
Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) mezzi pubblicitari
Ufficio di riferimento: Servizio Attività Edilizia - Settore Sportello Unico e Turismo

Indirizzo Palazzo Rinaldi, Piazza Rinaldi, 1
Contatti e orari
Ufficio Edilizia Produttiva:
Responsabile del procedimento geom. Ivano Casetta  e.mail: ivano.casetta@comune.treviso.it
Istruttore arch. Alessandra Annino e.mail: alessandra.annino@comune.treviso.it
tel. 0422 658355 lunedì, martedì, giovedì, venerdì dalle 12.00 alle 14.00.
Ricevimento tecnici lunedì e mercoledì dalle 9.00 alle 12.00 con accesso libero, mercoledì dalle 12.00 alle 17.00 su appuntamento.

Di cosa si tratta
Il Regolamento comunale per gli impianti pubblicitari e le pubbliche affissioni  disciplina la materia concernente i mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse, su aree pubbliche o di uso pubblico e su area privata, distinguendo gli impianti o mezzi pubblicitari in permanenti e temporanei.
I mezzi pubblicitari temporanei sono costituiti da manufatti finalizzati all’esposizione di pubblicità per eventi speciali e per una durata non superiore a 12 mesi (eventualmente prorogabili a 24). Le relative autorizzazioni sono di competenza del Servizio Tributario e Tariffario.
I mezzi pubblicitari permanenti sono costituiti da manufatti saldamente ancorati a terra o a strutture in elevazione o mobili purchè destinati a costituire un supporto duraturo per l’esposizione di messaggi pubblicitari. Essi comprendono: “insegne d’esercizio” (tutti i mezzi contenenti scritte in caratteri alfanumerici, eventualmente completati da simbolo, disegno, immagine, foto o marchio, installate nella sede dell’attività cui si riferisce la scritta o nelle pertinenze accessorie di essa), “preinsegne”, “cartello stradale”, “impianti di pubblicità e propaganda” (a titolo esemplificativo targhe professionali, bacheche, tende, vetrofanie, totem, video, porta manifesti, bandiere, ecc.), “impianto pubblicitario di servizio” (manufatti come fermate d’autobus, transenne, cestini, ecc. aventi pubblica utilità nell’arredo urbano e stradale), “sorgente luminosa”.
Il titolo autorizzatorio che consente, a chiunque ne abbia titolo, l’installazione permanente di mezzi pubblicitari in genere è la segnalazione certificata di inizio attività o SCIA per mezzi pubblicitari ai sensi dell’art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241 “Nuove norme sul procedimento amministrativo” e ss.mm.ii..


A chi si rivolge
Qualsiasi persona fisica o giuridica avente titolo (proprietario, affittuario, gestore dell’attività) all’installazione del mezzo pubblicitario. Per saperne di più vai alla Scheda soggetti aventi titolo e documenti attestanti il titolo.

Come fare
La SCIA mezzi pubblicitari va presentata al SUAP del Comune di Treviso esclusivamente attraverso la piattaforma informatica del portale www.impresainungiorno.gov.it che consente la predisposizione, l’invio e la gestione delle pratiche in modalità telematica.
La SCIA deve essere corredata dagli allegati obbligatori, ovvero:
- elaborati grafici con specifica dei dati tecnici;
- pagamento di spese tecniche e diritti di segreteria;
- prospetto della “dichiarazione mezzi pubblicitari” rilasciato dal Servizio Tributario e Tariffario, Ufficio Pubblicità del Comune.
Contestualmente all’inoltro della SCIA deve essere anche previsto l’inoltro di:
- richiesta di parere preventivo del Comando di Polizia Locale in merito alla conformità al Codice della Strada e Regolamento Attuativo dello stesso per le installazioni prospicienti le strade veicolari;
- eventuale richiesta di parere preventivo degli Enti proprietari di strade non comunali all’interno dei centri abitati (ANAS, Veneto Strade);
- richiesta di concessione per l’occupazione permanente di suolo pubblico per l’installazione di mezzi pubblicitari in caso di occupazione di spazi ed aree pubbliche ai sensi del vigente Regolamento C.O.S.A.P.;
Inoltre, soltanto in caso di intervento ricadente in ambito soggetto a vincolo monumentale / paesaggistico ai sensi del “Codice dei beni culturali e del paesaggio” (D. Lgs. 42/2004) è necessario inoltrare contestuale richiesta di:
- autorizzazione paesaggistica qualora l’immobile oggetto di intervento ricada in ambito soggetto a vincolo paesaggistico;
- autorizzazione della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio qualora l’immobile sia sottoposto a vincolo monumentale.
Una volta che il SUAP ha acquisito gli eventuali atti di assenso necessari comunicherà alla ditta richiedente la quantificazione dell’imposta sulla pubblicità.


È importante sapere che
Il titolo autorizzativo ha validità sino a modificazione delle caratteristiche del mezzo pubblicitario. In caso di variazioni del messaggio pubblicitario l’interessato deve darne comunicazione agli uffici e seguire la procedura indicata all’art. 26 del Regolamento comunale per gli impianti pubblicitari e le pubbliche affissioni.
Le vetrofanie di dimensioni inferiori o uguali a 0,5 mq sono a libera installazione (non va presentata la SCIA), come da allegato n. 5 “ABACO” del medesimo Regolamento.

Tempi
La SCIA mezzi pubblicitari è efficace a condizione che sia verificata la completezza/correttezza di tutta la documentazione prevista per legge e all’acquisizione del SUAP di tutti gli atti di assenso e nulla osta preliminari necessari, che deve avvenire entro 60 gg dall’inoltro della SCIA con contestuale richiesta di atti di assenso presupposti. L’installazione del mezzo pubblicitario potrà avvenire solo a seguito dell’invio al SUAP dell’attestazione di avvenuto pagamento dell’imposta sulla pubblicità.

Quanto costa
La presentazione della SCIA mezzi pubblicitari comporta il versamento di euro 56,30 per diritti di segreteria e di euro 27,00 per spese tecniche.
Per le modalità di pagamento clicca qui.

Normativa di riferimento
- D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160 “Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto legge n. 112 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 133 del 2008”;
- D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”;
- Legge 7 agosto 1990, n. 241 “Nuove norme sul procedimento amministrativo”;
- Legge 7 agosto 2015, n. 124 “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche
- Regolamento per la disciplina degli impianti pubblicitari su aree pubbliche o di uso pubblico e su aree private e per la disciplina delle pubbliche affissioni;
- Deliberazione di Giunta comunale n. 256 del 1° giugno 2011 “Istituzione dei diritti segreteria per le procedure abilitative semplificate – PAS – relative agli impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili” con allegata tabella A;
- Deliberazione di Giunta comunale n. 379 del 19 dicembre 2012 “Aggiornamento tariffe per rimborso spese tecniche Servizio Attività edilizia” con allegata tabella A.


Ultimo aggiornamento: 2017-09-22 10:49:40


E' stata utile questa pagina?

(opzionale):