Tu sei qui: Home
Autorizzazione paesaggistica
Ufficio di riferimento: Servizio Attività Edilizia - Settore Sportello Unico e Turismo

Indirizzo Palazzo Rinaldi, Piazza Rinaldi, 1

Ufficio di riferimento: Ufficio Paesaggio

Orari e contatti:

Arch. Pamela Andriolo tel. 0422 658494 e-mail: pamela.andriolo@comune.treviso.it
Arch. Elvira Rossi tel. 0422 658374 e-mail: elvira.rossi@comune.treviso.it
Le linee telefoniche sono attive dal lunedì al venerdì, dalle ore 12:00 alle ore 14:00
L'Ufficio riceve:
il lunedì dalle ore 9:00 alle ore 12:00;
il mercoledì dalle ore 9:00 alle ore 12:00 con accesso libero, dalle ore 12:00 alle ore 17:00 su appuntamento.

Di cosa si tratta
L'autorizzazione paesaggistica deve essere ottenuta prima di eseguire interventi (edilizi e non), che modificano l'aspetto esteriore dei luoghi, in zone sottoposte a vincolo paesaggistico ai sensi del D.Lgs. 42/2004.

L'autorizzazione paesaggistica costituisce atto autonomo e presupposto rispetto ai titoli abilitativi edilizi per i quali dovrà essere presentata domanda a parte.

L'autorizzazione paesaggistica infatti verifica la compatibilità dell'intervento da eseguire con il tipo di vincolo paesaggistico, ma non autorizza a realizzare materialmente i lavori.

Ai sensi dell'art. 149 del D.Lgs. 42/04 non è necessario ottenere l'Autorizzazione paesaggistica per i seguenti interventi:

  • di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici;
  • inerenti l'esercizio dell'attività agro-silvo-pastorale che non comportino alterazione permanente dello stato dei luoghi con costruzioni edilizie ed altre opere civili, e sempre che si tratti di attività ed opere che non alterino l'assetto idrogeologico del territorio;
  • il taglio colturale, la forestazione, la riforestazione, le opere di bonifica, antincendio e di conservazione da eseguirsi nei boschi e nelle foreste purchè previsti ed autorizzati in base alla normativa in materia.


L'autorizzazione paesaggistica è efficace per un periodo di cinque anni, ed i lavori se iniziati nel quinquennio possono essere conclusi entro l'anno successivo.

Il termine di efficacia decorre dal giorno in cui acquista efficacia il titolo edilizio eventualmente necessario per la realizzazione dell'intervento, salvo che il ritardo in ordine al rilascio, dipenda da circostanze imputabili all'interessato.


Sono previste due tipologie di autorizzazione paesaggistica a seconda del tipo di intervento e del tipo di vincolo della zona in cui esso si realizza: l'autorizzazione paesaggistica ordinaria e l'autorizzazione paesaggistica semplificata.


Autorizzazione paesaggistica ordinaria:
Prevede la procedura normata dall'art. 146 del D.Lgs. n. 42/2004 (termini di conclusione del procedimento 105 gg, fatte salve eventuali sospensioni e interruzioni di qualsiasi natura). Riguarda tutti gli interventi che non siano autorizzabili tramite autorizzazione semplificata come individuati nell'allegato del D.P.R. 139/2010.


Autorizzazione paesaggistica semplificata:
Prevede la procedura normata dal D.P.R. 139/2010, così come da art. 146 comma 9 del D.Lgs. n. 42/2004 (termini di conclusione del procedimento 60 gg, fatte salve eventuali sospensioni e interruzioni di qualsiasi natura). Riguarda tutti gli interventi di lieve entità individuati nell'allegato del D.P.R. 139/2010

Chi può presentare la domanda
Qualsiasi persona fisica o giuridica avente titolo a realizzare gli interventi in un determinato immobile (vedi scheda "Soggetti aventi titolo e documenti attestanti il titolo")

Come fare
Per edifici con destinazione d'uso residenziale:
L'istanza di autorizzazione paesaggistica va compilata sull'apposito modello e depositata presso l'ufficio Protocollo del Comune, allegando tutta la documentazione necessaria, ivi compresa la Relazione Paesaggistica a firma di un tecnico abilitato redatta ai sensi del D.P.C.M. 12.12.2005, con le seguenti modalità:

  • a mano, presso l'Ufficio del protocollo generale (situato a Ca'Sugana), o dello Sportello Unico (situato a Palazzo Rinaldi);
  • spedita a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno;
  • trasmessa telematicamente tramite posta elettronica certificata (PEC). In quest'ultimo caso, la pratica dovrà essere predisposta e inoltrata seguendo le indicazioni contenute nella guida per la presentazione di pratiche edilizie residenziali per via telematica.


Qualora l'avente titolo sia un soggetto munito di partita iva ha anche la facoltà di presentare la pratica per via telematica al SUAP del Comune di Treviso, tramite il portale www.impresainungiorno.gov.it.


Per edifici con destinazione d'uso produttiva (agricola, commerciale, direzionale, artigianale, ricettiva, servizi): l'istanza di autorizzazione paesaggistica corredata dai necessari elaborati, deve essere presentata esclusivamente per via telematica al SUAP del Comune di Treviso, attraverso la piattaforma informatica del portale www.impresainungiorno.gov.it che consente la predisposizione, l'invio delle pratiche e la gestione delle stesse in modalità telematica.


Tempi
I termini del procedimento sono di 105 gg. o 60 gg. dalla presentazione dell'istanza a seconda si tratti rispettivamente di procedura ordinaria o semplificata.


Quanto costa
La domanda di autorizzazione paesaggistica comporta il versamento di Euro 56,30 a titolo di diritti di segreteria e di Euro 27,00 a titolo di rimborso spese tecniche, nonchè l'apposizione di una marca da bollo di Euro 16,00 sull'istanza e di un'ulteriore marca da bollo di Euro 16,00 sul provvedimento di autorizzazione.


Normativa di riferimento:

  • D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42: "Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137";
  • D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160: "Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto legge n. 112 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 133 del 2008";
  • D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445: "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa";
  • Legge 7 agosto 1990, n. 241: "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi";
  • Decreto del Presidente della Repubblica 9 luglio 2010, n. 139: "Regolamento recante procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di lieve entità, a norma dell'articolo 146, comma 9, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni";
  • Decreto del presidente del Consiglio dei ministri 12 dicembre 2005: "Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42"





Ultimo aggiornamento: 2016-07-12 13:30:24


E' stata utile questa pagina?

(opzionale):