Tu sei qui: Home - Edilizia privata
Agibilità
Ufficio di riferimento: Servizio Attività Edilizia - Settore Sportello Unico e Turismo

Indirizzo Palazzo Rinaldi, Piazza Rinaldi, 1

Contatti

- Geom. Stefano Marini tel. 0422 658484 (da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 14.00, lunedì e mercoledì anche dalle 15.00 alle 18.00)  e.mail: stefano.marini@comune.treviso.it
- Dott. Elvira Rossi tel. 0422 658374 (lunedì, martedì, mercoledì, venerdì dalle 12.00 alle 14.00)  e.mail: elvira.rossi@comune.treviso.it
Ricevimento: lunedì dalle 9.00 alle 12.00 e mercoledì dalle 9.00 alle 14.00 con accesso libero; mercoledì dalle 15.00 alle 17.00 su appuntamento.
 

Di cosa si tratta

L’agibilità è necessaria per poter utilizzare un immobile, alienarlo, locarlo o donarlo, nonché quando si procede a stipulare l’atto di compravendita, donazione o contratto di locazione.
Prima del 12 dicembre 2016 l’agibilità di un immobile era attestata dal “certificato di agibilità”, un tempo denominato “certificato di abitabilità” (mentre si parlava di agibilità solo per immobili destinati ad usi diversi dalla residenza).
A partire dal 12 dicembre 2016 la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente, nonché la conformità dell’opera al progetto presentato e la sua agibilità sono attestati mediante segnalazione certificata (SCIA), e non più dal certificato di agibilità.
Ai fini dell’agibilità, è indispensabile presentare la segnalazione certificata entro quindici giorni dall’ultimazione dei lavori di finitura dei seguenti interventi:
a) nuove costruzioni;
b) ricostruzioni o sopraelevazioni, totali o parziali;
c) interventi sugli edifici esistenti che possano influire sulle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati.
Anche quando si effettua un cambio di destinazione d’uso è necessario presentare la segnalazione certificata di agibilità, perchè i requisiti igienico-sanitari richiesti variano a seconda della destinazione d’uso delle unità immobiliari.
La segnalazione certificata di agibilità può essere presentata sia per singoli edifici, che per singole porzioni funzionalmente autonome e per singole unità immobiliari.
La segnalazione certificata deve essere corredata dalla seguente documentazione:
a) attestazione del direttore dei lavori o, qualora non nominato, di un professionista abilitato che assevera la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente, nonché la conformità dell’opera al progetto e la sua agibilità;
b) certificato di collaudo statico ovvero (nei casi previsti) dichiarazione di regolare esecuzione resa dal direttore dei lavori;
c) dichiarazione di conformità delle opere realizzate alla normativa vigente in materia di accessibilità e superamento delle barriere architettoniche;
d) estremi dell'avvenuta dichiarazione di aggiornamento catastale;
e) dichiarazione dell'impresa installatrice, che attesta la conformità degli impianti installati negli edifici alle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico prescritte dalla disciplina vigente ovvero, ove previsto, certificato di collaudo degli stessi;
f) tutta la documentazione prevista dall’art. 43 del vigente Regolamento Edilizio comunale.  

 

Chi può presentare la segnalazione certificata di agibilità

Il soggetto titolare del permesso di costruire o il soggetto che ha presentato la segnalazione certificata di inizio attività, o i loro successori o aventi causa sono tenuti a presentare la segnalazione certificata di agibilità.  

 

Come fare

La segnalazione certificata, corredata dalla necessaria documentazione, deve essere presentata esclusivamente per via telematica al SUAP del Comune di Treviso, attraverso la piattaforma informatica del portale www.impresainungiorno.gov.it che consente la predisposizione, l’invio e la gestione delle pratiche in modalità telematica.  

 

Tempi

L'utilizzo dell’immobile può essere iniziato dalla data di presentazione allo sportello unico della segnalazione certificata di agibilità corredata da tutta la documentazione necessaria (si applica l’art. 19 commi 3 e 6 bis della legge 241/1990). Regione e Comune disciplinano le modalità di effettuazione dei controlli, anche a campione, comprensivi dell’ispezione delle opere realizzate.

  

Quanto costa

La presentazione della Segnalazione certificata di agibilità comporta il versamento dei diritti di segreteria (v. allegato a fondo pagina). Per le modalità di pagamento clicca qui
 

E’ importante sapere che

•    La mancata presentazione della Segnalazione certificata di agibilità entro quindici giorni dall'ultimazione dei lavori, comporta l'applicazione di una sanzione pecuniaria che può andare da 77,00 a 464,00 euro.
•    Nel caso di realizzazione di nuove unità immobiliari, contestualmente alla presentazione della Segnalazione certificata di agibilità è altresì necessario presentare ai Servizi Demografici – Toponomastica la domanda di attribuzione di numero civico corredata da copia accatastamento/planimetrie catastali. Ciò consentirà di verificare l’esistenza o meno del numero civico esterno e di assegnare la numerazione interna secondo i sub catastali, permettendo così di identificare correttamente ogni unità immobiliare.

 

Normativa di riferimento

- D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia” e ss.mm.ii.
- D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160 “Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto legge n. 112 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 133 del 2008
- D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa
- Legge 7 agosto 1990, n. 241 “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi” e ss.mm.ii.
- Deliberazione di Giunta comunale n. 312 del 5 novembre 2018 “Diritti di segreteria del Servizio Attività Edilizia - Settore Sportello Unico e Turismo. Revisione
 


  


Ultimo aggiornamento: 2019-01-28 17:31:42


E' stata utile questa pagina?

(opzionale):