IMU - Imposta municipale propria 2014
Ufficio di riferimento: Servizio tributario e tariffario - Ufficio IMU

Indirizzo Cittadella delle Istituzioni - Piazza delle Istituzioni, 49 - 31100 Treviso
Telefono 0422 658784
Fax 0422 658786
E-mail tributi@comune.treviso.it
Orario

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato
Mattina 8.30-13.30


8.30-13.30
Pomeriggio 15.00-17.30

15.00-17.30




Nozioni di base

Con la legge di stabilità 2014 il legislatore è intervenuto nuovamente nella materia dei tributi comunali attuando una riforma della fiscalità immobiliare con l'istituzione a partire dal 1° gennaio 2014 dell'imposta unica comunale, denominata I.U.C., un acronimo che comprende tre distinte tasse: IMU, TASI e TARI.

In particolare, la legge prevede che l'imposta unica comunale (IUC) si basi su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro collegato all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

Nel dettaglio, la IUC si compone:
  • dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali e relative pertinenze, ad eccezione delle abitazioni classificate nelle categorie catastali A1, A8 e A9 (case di lusso e castelli);
  • di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile;
  • e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore (l'attuale gestore del servizio smaltimento rifiuti per il Comune di Treviso è la società Contarina Spa).
Chi deve pagare

Sono soggetti passivi dell'IMU sono:

  • il proprietario dell'immobile;
  • l'usufruttuario;
  • il titolare del diritto d'uso;
  • il titolare del diritto di abitazione;
  • il titolare del diritto di enfiteusi;
  • il titolare del diritto di superficie;
  • il locatario di bene in leasing;
  • il concessionario di beni demaniali.

Nel caso di leasing, inoltre, la soggettività passiva riguarda gli immobili da costruire e quelli costruiti e decorre dalla data di stipula del contratto e per tutta la durata dello stesso.

Come si calcola

Nell'informativa allegata è possibile trovare maggiori informazioni su come calcolare il dovuto.

Dichiarazione IMU

In base all'art. 10 del D. L. n. 35/2013 che ha modificato il comma 12-ter dell'art. 13 del D. L. n. 201 del 2011 i soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta, utilizzando il modello approvato con il decreto di cui all'articolo 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23.

L'adempimento prevede che il contribuente effettui una dichiarazione quando ci sono delle variazioni nella situazione dell'immobile tali da comportare dei cambiamenti dell'importo su cui calcolare l'imposta.

Dichiarazione IMU/TASI ENC - Enti non commerciali

Gli Enti non Commerciali che possiedono immobili oggetto dell'esenzione di cui all'art. 7, comma 1, lett. i), del D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504, sono tenuti a inviare, esclusivamente con modalità telematica, al Dipartimento delle finanze, la Dichiarazione IMU/TASI ENC.

Per gli anni 2012 e 2013 la Dichiarazione IMU/TASI ENC doveva essere inviata entro il 1° dicembre 2014 (il termine del 30 novembre 2014, previsto dal decreto 23 settembre 2014, cadeva di domenica). Si ricorda che per tali annualità la dichiarazione riguarda solo l'IMU, poichè in tali anni la TASI non era stata ancora istituita.

Dal 2014 le Dichiarazioni vanno presentate entro il 30 Giugno dell'anno successivo all'anno in cui ha avuto inizio il possesso degli immobili.

Normativa di riferimento


Ultimo aggiornamento: 2016-07-15 13:10:55