TASI - Tassa sui servizi indivisibili 2015
Ufficio di riferimento: Servizio tributario e tariffario - Ufficio TASI

Indirizzo Cittadella delle Istituzioni - P.zza delle Istituzioni, 49 Edif. E - 31100 Treviso
Telefono 0422/ 658784 - 658723
Fax 0422/658786
E-mail tributi@comune.treviso.it
Orario

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato
Mattina 8.30 - 13.30



8.30-13.30
Pomeriggio 15.00-17.30

15.00-17.30



Nozioni di base

L'imposta unica comunale, denominata I.U.C., un acronimo che comprende tre distinte tasse: IMU, TASI e TARI, non ha subito ad oggi modifiche sostanziali rispetto alla sua entrata in vigore.

In particolare, la legge prevede che l'imposta unica comunale (IUC) si basi su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro collegato all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

Nel dettaglio, la IUC si compone:

  • dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali e relative pertinenze, ad eccezione delle abitazioni classificate nelle categorie catastali A1, A8 e A9 (case di lusso e castelli);
  • di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile;
  • e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore (l'attuale gestore del servizio smaltimento rifiuti per il Comune di Treviso è la società  Contarina Spa).

Chi deve pagare

La soggettività  passiva TASI è in capo a chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo: i fabbricati e le aree fabbricabili. Nel caso in cui l'unità  immobiliare è occupata/detenuta da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale sull'immobile, quest'ultimo e l'occupante/detentore sono titolari di un'autonoma obbligazione tributaria. L'occupante/detentore è obbligato a versare la TASI nella misura del 10 per cento dell'ammontare complessivo dell'imposta. Il possessore è obbligato a versare la TASI nella misura del 90 per cento dell'ammontare complessivo dell'imposta.

Come si calcola

Nell'informativa allegata è possibile trovare maggiori informazioni su come calcolare il dovuto.

Inoltre collegandosi al calcolatore è possibile determinare l'imposta dovuta e stampare il modello F24 per il pagamento.

Il comma 675, dell'art. 1 della legge n. 147/2013 (legge di stabilità  2014) precisa che la base imponibile è quella prevista per l'Imposta Municipale Propria (IMU).

Dichiarazione TASI

La presentazione della dichiarazione TASI è dovuta:

  • da tutti i proprietari/usufruttuari di immobili occupati a titolo di locazione/affitto/comodato
  • e da tutti i soggetti occupanti i suddetti immobili.

Nella dichiarazione andrà  inserita la data di inizio della locazione/affitto/comodato sia essa anteriore al 1° gennaio 2014 o successiva (es. 1: se il contratto d'affitto è stato stipulato in data 25/12/2010 nella dichiarazione andrà indicato a decorrere dal 25/12/2010) (es. 2: se il contratto d'affitto è stato stipulato in data 01/05/2014 nella dichiarazione andrà indicato a decorrere dal 01/05/2014).

La legge ha previsto che i soggetti passivi (cioè coloro che sono tenuti al pagamento dell'imposta) devono presentare la dichiarazione TASI 2014 entro il 30 giugno 2015 utilizzando il modello ministeriale già  approvato per la dichiarazione IMU.

Per tutti gli altri casi di obbligo di presentazione della dichiarazione, sia TASI che IMU (es: valore aree fabbricabili, immobili inagibili, ecc...), per agevolare il contribuente, sarà  sufficiente la presentazione della sola dichiarazione IMU che varrà  anche come dichiarazione TASI.

La dichiarazione puà essere presentata:

  • direttamente all'Ufficio Tributi del Comune ubicato in p.zza delle Istituzioni n°49 edificio E;
  • inviata a mezzo posta con raccomandata semplice;
  • via fax;
  • via PEC.


Ultimo aggiornamento: 2016-05-16 14:21:07