SI RACCOMANDA DI RECARSI PRESSO GLI UFFICI COMUNALI SOLO PER INDEROGABILI URGENZE
ORARIO DEGLI UFFICI COMUNALI

ADDIZIONALE IRPEF

(versione stampabile in formato pdf)

COMUNE DI TREVISO
– REGOLAMENTI –

ADDIZIONALE IRPEF

Regolamento per l’applicazione dell’addizionale comunale all’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

Art. 1 – Oggetto del regolamento. 1

Art. 2 – Soggetti passivi1

Art. 3 – Aliquota di compartecipazione dell’addizionale comunale all’IRPEF. 1

Art. 4 – Soglia di esenzione. 2

Art. 5 – Entrata in vigore e norme finali2

NOTE:2

 

Art. 1 – Oggetto del regolamento

Il presente regolamento, adottato a norma e per gli effetti del D. Lgs. n. 360 del 28.9.1998 e successive modificazioni ed integrazioni e del D. Lgs. n. 23 del 14.3.2011, disciplina, nell’ambito della potestà regolamentare prevista dall’art. 52 del D. Lgs. 15.12.1997 n. 446, l’applicazione dell’aliquota di compartecipazione dell’addizionale comunale all’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) nel Comune di Treviso.

Art. 2 – Soggetti passivi

L’addizionale è dovuta dai contribuenti che alla data del 1° gennaio abbiano domicilio fiscale nel Comune di Treviso, sulla base delle disposizioni di legge vigenti.

Art. 3 – Aliquota di compartecipazione dell’addizionale comunale all’IRPEF

A decorrere dall’anno 2014, l’aliquota di compartecipazione dell’addizionale comunale all’IRPEF, prevista dall’art. 1 del D. Lgs. n. 360/1998 è stabilita per scaglioni di reddito in:
1. zero virgola sessanta punti percentuali (0,60%) per lo scaglione di reddito imponibile da euro zero (€ 0) fino ad euro quindicimila (€ 15.000,00);
2. zero virgola sessantacinque punti percentuali (0,65%) per lo scaglione di reddito imponibile da euro quindicimila,01 (€ 15.000,01) fino ad euro ventottomila (€ 28.000,00);
3. zero virgola settanta punti percentuali (0,70%) per lo scaglione di reddito imponibile da euro ventottomila,01 (€ 28.000,01) fino ad euro cinquantacinquemila(€ 55.000,00) ;
4. zero virgola settantacinque punti percentuali (0,75%) per lo scaglione di reddito imponibile da euro cinquantacinquemila,01 (€ 55.000,01) fino ad euro settantacinquemila (€ 75.000,00);
5. zero virgola ottanta punti percentuali (0,80%) per lo scaglione di reddito imponibile da euro settantacinquemila,01 (€ 75.000,01).

Art. 4 – Soglia di esenzione

Viene fissata per l’anno 2014, in relazione al disposto dell’ art. 1, comma 3-bis del D. Lgs. del 28 settembre 1998, n. 360, inserito dall’ art. 1, comma 142, della legge 27 dicembre, n. 296, la soglia di esenzione per i possessori di reddito imponibile fino ad euro quindicimila (€ 15.000,00).
Il contribuente che superi la soglia di esenzione di cui al primo comma è tenuto al versamento dell’addizionale sull’intero reddito imponibile ai fini Irpef.

Art. 5 – Entrata in vigore e norme finali

Il presente regolamento entra in vigore, ai sensi dell’art. 1 D. Lgs. 28 settembre 1998 n. 360, così come modificato dal comma 16 del D.L 6 dicembre 2011, n. 201, convertito nella legge 22 dicembre 2011, n. 214, il primo gennaio 2014.
Le norme del presente regolamento si intendono modificate per effetto di sopravvenute norme vincolanti di rango superiore.
Nelle more della formale modificazione del presente regolamento, si applica la normativa sopra ordinata.

NOTE:

Settore / Servizio responsabile: Settore Ragioneria e finanze / Servizio Tributario e tariffario
Approvazione / Ultima modifica: Deliberazione di Consiglio comunale n. 59 del 28.10.2013
Contenuto ultima modifica: Modifiche varie


Data ultima modifica: 03/02/2014