SI RACCOMANDA DI RECARSI PRESSO GLI UFFICI COMUNALI SOLO PER INDEROGABILI URGENZE
ORARIO DEGLI UFFICI COMUNALI

COMPENSO COMMISSIONI DI CONCORSO

(versione stampabile in formato pdf)

COMUNE DI TREVISO
– REGOLAMENTI –

COMPENSO COMMISSIONI DI CONCORSO

Regolamento per la determinazione dei compensi da corrispondere ai componenti delle commissioni esaminatrici di concorso e al personale addetto alla sorveglianza

Art. 1 – Oggetto. 1

Art. 2 – Concorsi per titoli ed esami1

Art. 3 – Concorsi per soli titoli2

Art. 4 – Concorsi per soli esami2

Art. 4 bis – Concorsi per la copertura di posti di qualifica dirigenziale. 2

Art. 5 – Segretario generale, dirigenti e titolari di posizione organizzativa. 2

Art. 6 – Membri aggiunti3

Art. 7 – Limiti3

Art. 8 – Componenti dimissionari o dichiarati decaduti3

Art. 9 – Personale addetto alla sorveglianza. 3

Art. 10 – Riunioni delle commissioni esaminatrici3

Art. 11 – Assunzioni di personale delle categorie A e B/1 a tempo determinato. 4

Art. 12 – Aggiornamento dei compensi4

Art. 13 – Spese sostenute dai componenti esterni delle commissioni esaminatrici per l’espletamento dell’incarico. 4

Art. 14 – Norme transitorie e finali4

Art. 15 – Entrata in vigore. 4

Art. 15 bis. 4

NOTE:4

 

Art. 1 – Oggetto

Il presente regolamento disciplina la determinazione dei compensi da corrispondere ai componenti delle commissioni esaminatrici di concorso ed al personale addetto alla sorveglianza, tenuto conto dei principi fissati dal D.P.C.M. 23.3.1995 opportunamente adeguati alle attuali esigenze e caratteristiche organizzative dell’amministrazione.

Art. 2 – Concorsi per titoli ed esami

A ciascun componente delle commissioni esaminatrici di concorsi per titoli ed esami viene corrisposto, per ogni tipo di concorso, un compenso differenziato come segue:
– per concorsi relativi ai profili professionali fino alla categoria B/1 euro 123,95 + euro 0,52 per ciascun elaborato o candidato esaminato;
– per concorsi relativi ai profili professionali delle categorie B/3 e C euro 247,90 + euro 0,57 per ciascun elaborato o candidato esaminato;
– per concorsi relativi ai profili professionali della categoria D euro 309,87 + euro 0,72 per ciascun elaborato o candidato esaminato.
I compensi di cui sopra sono aumentati del 10% per i presidenti delle commissioni esaminatrici di concorso e ridotti della stessa percentuale per i segretari delle commissioni stesse.

Art. 3 – Concorsi per soli titoli

A ciascun componente delle commissioni esaminatrici di concorsi per soli titoli viene corrisposto, per ogni tipo di concorso, un compenso differenziato come segue:
– per concorsi relativi ai profili professionali fino alla categoria B/1 euro 123,95 + euro 0,103 per la valutazione dei titoli di ciascun candidato;
– per concorsi relativi ai profili professionali delle categorie B/3 e C euro 247,90 + euro 0,103 per la valutazione dei titoli di ciascun candidato;
– per concorsi relativi ai profili professionali della categoria D euro 309,87 + euro 0,103 per la valutazione dei titoli di ciascun candidato.
I compensi di cui sopra sono aumentati del 10% per i presidenti delle commissioni esaminatrici di concorso e ridotti della stessa percentuale per i segretari delle commissioni stesse.

Art. 4 – Concorsi per soli esami

A ciascun componente delle commissioni esaminatrici di concorsi per soli esami viene corrisposto, per ogni tipo di concorso, un compenso differenziato come segue:
– per concorsi relativi ai profili professionali fino alla categoria B/1 euro 123,95 + euro 0,413 per ciascun elaborato o candidato esaminato;
– per concorsi relativi ai profili professionali delle categorie B/3 e C euro 247,90 + euro 0,52 per ciascun elaborato o candidato esaminato;
– per concorsi relativi ai profili professionali della categoria D euro 309,87 + euro 0,62 per ciascun elaborato o candidato esaminato.
I compensi di cui sopra sono aumentati del 10% per i presidenti delle commissioni esaminatrici di concorso e ridotti della stessa percentuale per i segretari delle commissioni stesse.

Art. 4 bis – Concorsi per la copertura di posti di qualifica dirigenziale

Nel caso in cui nei concorsi per soli esami o per titoli ed esami per la copertura di posti di qualifica dirigenziale risulti necessario nominare componenti esterni della commissione esaminatrice in possesso di professionalità altamente specialistiche, scelti tra dirigenti delle pubbliche amministrazioni o di aziende private, liberi professionisti, docenti universitari, ricercatori o categorie assimilabili, il compenso lordo per ciascun componente è fissato in € 1.500,00 per l’espletamento dell’intera procedura concorsuale.
Nel caso di selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali con contratto a tempo determinato, il compenso di cui al comma 1 è ridotto del 50%.
Al segretario della commissione esaminatrice viene corrisposto un compenso pari a quello stabilito per i concorsi relativi ai profili professionali della categoria D, ridotto del 10%.

Art. 5 – Segretario generale, dirigenti e titolari di posizione organizzativa

Al segretario generale, ai dirigenti e ai titolari di posizione organizzativa dell’ente nominati componenti di commissioni esaminatrici di concorso non è dovuto alcun compenso per le attività espletate in seno alla commissione stessa.

Art. 6 – Membri aggiunti

Possono essere nominati, per esami di lingua straniera e per materie specifiche, membri aggiunti aggregati alle commissioni esaminatrici di concorso.
Ai membri aggiunti sono dovuti i compensi previsti dagli artt. 2, 3 e 4, ridotti del 50%.
Tali compensi vanno adeguati in modo congruo per i membri aggiunti in possesso di professionalità altamente specialistiche, difficilmente reperibili.

Art. 7 – Limiti

I compensi di cui agli artt. 2, 3 e 4 non possono comunque eccedere cumulativamente i limiti di seguito precisati:
– per i concorsi fino alla categoria B/1 euro 1.239,50;
– per i concorsi delle categorie B/3 e C euro 2.478,99;
– per i concorsi della categoria D euro 3.098,74.
I limiti massimi di cui al comma precedente sono aumentati del 10% per i presidenti nonché ridotti della stessa percentuale per il segretario e per i membri aggiunti, tenuto conto, per questi ultimi, della riduzione del 50% dei compensi previsti dagli artt. 2, 3 e 4.

Art. 8 – Componenti dimissionari o dichiarati decaduti

Ai componenti delle commissioni esaminatrici di concorso che si dimettono dall’incarico o sono dichiarati decaduti per comportamenti illeciti loro attribuiti, i compensi di cui agli artt. 2, 3, 4 e 4 bis sono dovuti in misura proporzionale al numero delle sedute di commissione cui hanno partecipato.

Art. 9 – Personale addetto alla sorveglianza

A ciascun componente addetto alla sorveglianza, per l’attività prestata al di fuori del normale orario di servizio spetta un compenso orario lordo pari a Euro 10,33.
Nulla spetta per l’attività di sorveglianza prestata in orario di servizio.

Art. 10 – Riunioni delle commissioni esaminatrici

Le riunioni delle commissioni esaminatrici di concorso devono essere svolte al di fuori del normale orario di servizio e senza la corresponsione di altri compensi oltre a quelli previsti dal presente regolamento.
Nel caso in cui le riunioni, per motivate esigenze straordinarie quali, ad esempio, l’elevato numero di candidati, vengano svolte in orario di servizio, i componenti interni delle commissioni esaminatrici devono comunque recuperare le ore di lavoro dedicate alle attività concorsuali a beneficio dell’unità organizzativa di appartenenza.
Il responsabile dell’unità organizzativa di appartenenza può autorizzare il proprio dipendente a non recuperare le ore di lavoro dedicate alle attività concorsuali. In tal caso i componenti interni delle commissioni giudicatrici percepiranno esclusivamente un compenso orario pari al lavoro straordinario della categoria di appartenenza per le sole ore effettuate al di fuori del normale orario di servizio.

Art. 11 – Assunzioni di personale delle categorie A e B/1 a tempo determinato

Per le assunzioni di personale delle categorie A e B/1 a tempo determinato, i compensi spettanti alle commissioni esaminatrici vengono liquidati una sola volta per tutte le selezioni relative allo stesso profilo professionale effettuate nel corso dell’anno.

Art. 12 – Aggiornamento dei compensi

Con provvedimento della giunta comunale i compensi di cui al presente regolamento possono essere aggiornati ogni biennio.

Art. 13 – Spese sostenute dai componenti esterni delle commissioni esaminatrici per l’espletamento dell’incarico

Ai componenti esterni delle commissioni esaminatrici spetta il rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio.

Art. 14 – Norme transitorie e finali

Vengono abrogate tutte le norme del regolamento dei concorsi approvato con deliberazioni di consiglio comunale prot. n. 1895/44 del 7.3.1995 e n. 26543 del 9.5.1995 e successive modifiche ed integrazioni che siano in contrasto con quanto stabilito dal presente regolamento.
Eventuali nuove disposizioni di legge o di regolamento saranno immediatamente applicate qualora non attengano alla sfera delle autonome determinazioni dell’ente.

Art. 15 – Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il 1° gennaio 2001.

Art. 15 bis

Il presente regolamento trova applicazione anche per le procedure concorsuali che non si siano concluse alla data del 31 dicembre 2000.

NOTE:

Settore / Servizio responsabile: Settore Risorse umane
Approvazione / Ultima modifica: Deliberazione di Giunta comunale n. 190 del 26.5.2010
Contenuto ultima modifica: Modifiche varie


Data ultima modifica: 03/06/2010