Manildo a Prefetto e Questore: “Più sicurezza e controlli per via Roma”. Dopo il vertice nuovo incontro con residenti e commercianti.

“Chiedo più sicurezza e più controlli per via Roma”. Questa mattina il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ha chiamato le autorità di pubblica sicurezza sul territorio, Prefetto e Questore, per chiedere risposte immediate sulla vicenda accaduta sabato in via Roma e per scongiurare il ripetersi di simili fatti.
“Nell’incontro di domani chiederò a Prefetto e Questore di capire più chiaramente quanto accaduto nel primo pomeriggio di sabato e mettere in campo più forze di sicurezza – sottolinea il sindaco – e se dovessero emergere problemi legati alla carenza di personale siamo pronti ad andare fino in fondo anche coinvolgendo il Ministro”.
In particolare a individuare le funzioni di pubblica sicurezza è l’articolo 15 della legge 121 del 1 aprile 1981 secondo la quale “sono autorità locali di pubblica sicurezza il questore del capoluogo di provincia e i funzionari preposti ai commissariati di polizia aventi competenza negli altri comuni”.
Nei mesi scorsi era stato concordato di predisporre delle pattuglie miste tra le varie forze dell’ordine – prosegue il primo cittadino – pattuglie che però fino ad oggi sono state effettuate solo dalla nostra locale. I nostri agenti  continueranno sicuramente a svolgere le funzioni che gli competono, i controlli antiaccattoni, antiacol e infine a dare supporto, ma non possono e non possono supplire alle funzioni che sono proprie dello Stato”.
In particolare a chiarire ruoli e competenze è l’articolo 1 del T.U.L.P.S secondo il quale “l’autorità di pubblica sicurezza vigila al mantenimento dell’ordine pubblico, alla sicurezza dei cittadini, alla loro incolumità”(…) Tutte queste funzioni vengono svolte dal Personale di Polizia Municipale in ausilio alle forze di polizia sulla base degli accordi tra Sindaco e Prefetto al quale compete istituzionalmente il compito di garantire l’ordine pubblico e la sicurezza pubblica”.
“E’ necessario poi continuare a lavorare per lo sviluppo di modelli di sicurezza partecipata – chiude il sindaco – che ci coinvolge tutti. In particolare credo che un grosso lavoro debba essere fatto nelle scuole che da settembre continuo a visitare settimanalmente. Con l’assessore alle politiche scolastiche stiamo pensando ad un progetto da avviare proprio negli istituti medi e superiori della città perché si sviluppi in maniera sempre più forte una cultura della legalità”.   
Questa mattina inoltre il vicesindaco e assessore alla sicurezza della città Roberto Grigoletto ha ricevuto una delegazione del sindacato di polizia locale esprimendo la massima stima e solidarietà agli agenti “che non hanno la responsabilità dell’ordine pubblico ma che sono sempre presenti con le pattuglie di giorno e di notte e di supporto a polizia e carabinieri”.
Sindaco e vicesindaco incontreranno nuovamente residenti e commercianti nei prossimi giorni, anche per informare dell’esito del comitato ordine e sicurezza chiesto dal primo cittadino a Prefetto e Questore.


Data ultima modifica: 11/03/2015