NOTA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Treviso, 25 luglio 2019

In merito alle notizie apparse sulla stampa odierna sull’incontro chiesto al Prefetto dai Capigruppo della minoranza consiliare, rilevo innanzitutto con dispiacere come gli stessi consiglieri comunali, invece di cercare un confronto democratico e su temi concreti, preferiscano disturbare il Prefetto con questioni scarsamente supportate da elementi fattuali.

Ritengo soprattutto umiliante e scorretto che venga messa in discussione la terzietà del Segretario Generale Lorenzo Traina, funzionario stimato e apprezzato ovunque abbia prestato servizio e che anche a Treviso si sta dimostrando, oltreché un professionista esemplare, un valido ausilio nelle operazioni del Consiglio Comunale.

I Consigli comunali, così come le richieste di accesso atti da parte dei consiglieri, si svolgono e vengono evase in assoluta conformità alla legge e al regolamento.

Non si comprendono, pertanto, i motivi degli esposti inoltrati alla Prefettura dai Capigruppo di minoranza, se non per una sterile strumentalizzazione che poco ha a che fare con il confronto democratico che dovrebbe contraddistinguere la buona politica.  

Il Presidente del Consiglio Comunale

Giancarlo Iannicelli


Data ultima modifica: 25/07/2019