SI RACCOMANDA DI RECARSI PRESSO GLI UFFICI COMUNALI SOLO PER INDEROGABILI URGENZE
ORARIO DEGLI UFFICI COMUNALI

NUCLEO DI VALUTAZIONE (in vigore dal 1° gennaio 2014)

(versione stampabile in formato pdf)

COMUNE DI TREVISO
– REGOLAMENTI –

NUCLEO DI VALUTAZIONE (in vigore dal 1° gennaio 2014)

Regolamento di disciplina delle attività del nucleo di valutazione

Art. 2 – Funzioni e compiti1

Art. 3 – Funzioni in materia di valutazione dei dirigenti2

Art. 4 – Accesso ai documenti amministrativi e relazioni dell’attività. 2

Art. 5 – Sede. 2

Art. 6 – Compensi da corrispondere ai componenti esterni del nucleo di valutazione. 3

Art. 7 – Entrata in vigore. 3

NOTE:3

Art. 1 – Oggetto

Il presente regolamento disciplina le funzioni, i compiti e le attività svolte dal nucleo di valutazione.

Art. 2 – Funzioni e compiti

1. Il nucleo di valutazione, costituito ai sensi dell’art. 22 del regolamento che disciplina il “Sistema di direzione”, opera in posizione di autonomia e indipendenza, sia rispetto agli organi di governo sia rispetto ai responsabili della gestione.
2. Esercita i compiti previsti dal regolamento sul sistema di direzione, dal presente regolamento, dal Sistema di valutazione della performance, adottato ai sensi dell’art. 7, comma 1, del D.Lgs. 27.10.2009, n. 150 e quelli attribuiti ai nuclei di valutazione o all’organismo indipendente di valutazione direttamente dalla legge.
3. In particolare il nucleo di valutazione esercita le seguenti attività:
– svolge funzioni di monitoraggio del sistema complessivo della valutazione e della trasparenza;
– garantisce la correttezza dei processi di misurazione, valutazione e premialità;
– contribuisce all’individuazione e/o perfezionamento di metodologie permanenti per la valutazione delle prestazioni e dei risultati dei dipendenti, anche ai fini della progressione economica;
– valuta le prestazioni del personale con qualifica dirigenziale;
– ai sensi della disciplina di legge e di contrattazione collettiva accerta preventivamente le effettive disponibilità di bilancio dell’Ente create a seguito di processi di razionalizzazione e riorganizzazione delle attività ovvero espressamente destinate dall’Ente al raggiungimento di specifici obiettivi di produttività e di qualità, al fine del mantenimento delle correlate risorse nell’ambito del fondo delle risorse decentrate;
– svolge funzioni di monitoraggio in materia di lavoro flessibile, ai sensi dell’art. 36, comma 3, del D.lgs. 30.3.2001 n. 165.
4. Al nucleo di valutazione può essere altresì attribuito, da parte della Giunta Comunale, lo svolgimento di attività strumentali all’espletamento delle funzioni e dei compiti di cui al presente regolamento.

Art. 3 – Funzioni in materia di valutazione dei dirigenti

1. Il nucleo di valutazione svolge le attività di cui al Sistema permanente di valutazione della performance del personale con qualifica dirigenziale approvato dall’Amministrazione.
2. In particolare:
a) effettua la graduazione delle funzioni dirigenziali e la valutazione dei dirigenti e delle relative prestazioni ai fini della retribuzione di risultato;
b) valuta, sulla base anche dei risultati del controllo di gestione, in coerenza a quanto stabilito al riguardo dai contratti collettivi nazionali di lavoro, le prestazioni dei dirigenti, nonché i comportamenti relativi allo sviluppo delle risorse professionali, umane ed organizzative ad essi assegnate;
c) verifica i risultati dell’attività dei dirigenti e compie, su richiesta della Giunta Comunale, le valutazioni necessarie ad accertare i risultati negativi della gestione ed il mancato raggiungimento degli obiettivi.
3. Le valutazioni dei dirigenti tengono conto della correlazione fra obiettivi assegnati e risorse effettivamente rese disponibili.
4. Il nucleo di valutazione, prima di procedere alla definitiva formalizzazione di un giudizio non positivo nei confronti del dirigente, acquisisce in contraddittorio le valutazioni dell’interessato che può farsi assistere da persona di sua fiducia, in modo da consentire la partecipazione al procedimento del valutato.
5. Il periodo di riferimento per le attività di valutazione coincide con l’esercizio finanziario o con i tempi indicati per la realizzazione di determinati obiettivi.
6. I dirigenti sono tenuti a collaborare con il nucleo di valutazione per l’eventuale approfondimento di specifici aspetti inerenti la valutazione dei risultati di cui sono diretti responsabili. Tale collaborazione può essere attuata anche attraverso l’elaborazione di documenti, relazioni o quanto richiesto dal nucleo stesso.
7. I dirigenti, in caso di necessità, possono chiedere autonomamente incontri con il nucleo di valutazione.

Art. 4 – Accesso ai documenti amministrativi e relazioni dell’attività

1. Il nucleo di valutazione ha accesso ai documenti amministrativi e può richiedere ai Settori ed alle altre unità organizzative atti ed informazioni inerenti la propria attività.
2. Gli esperti esterni si impegnano a fare uso riservato di tutti i dati e le informazioni di cui venissero a conoscenza nel corso della loro attività, nel rispetto delle norme previste dal D. Lgs. 196/2003 e successive modificazioni.
3. Il nucleo di valutazione relaziona, con cadenza periodica, agli organi di vertice dell’Amministrazione sui risultati dell’attività svolta ai fini della ottimizzazione della funzione amministrativa; rileva gli aspetti critici e può fornire proposte per il miglioramento dell’organizzazione complessiva dell’Ente.

Art. 5 – Sede

Il nucleo di valutazione ha sede presso la Segreteria Generale del Comune che assicura le esigenze di segreteria.

Art. 6 – Compensi da corrispondere ai componenti esterni del nucleo di valutazione

A ciascun componente esterno del nucleo di valutazione spetta, a conclusione di ciascun anno di attività (circa 10 sedute), un compenso lordo onnicomprensivo massimo di € 4.000,00, da corrispondere in un’unica soluzione, previa presentazione di apposita nota, così suddiviso:
– € 2.000,00 quota fissa annuale;
– € 200,00 quota variabile – importo per ciascuna seduta del nucleo di valutazione a cui ha partecipato il componente (verranno conteggiate tutte le riunioni effettuate in relazione a ciascun anno di attività, comprese quelle che per esigenze valutative saranno effettuate dopo la data del 31.12).

Art. 7 – Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il 1° gennaio 2014. Fino a tale data si applicano le disposizioni contenute nel regolamento di disciplina dell’attività dell’organismo indipendente di valutazione, approvato con deliberazione di G.C. n. 361 del 22.9.2010 e modificato con deliberazione n. 403 del 20.10.2010.

NOTE:

Settore / Servizio responsabile: Settore Risorse umane e Servizi informatici
Approvazione / Ultima modifica: Deliberazione di Giunta comunale n. 245 del 15.10.2013
Contenuto ultima modifica: – – –


Data ultima modifica: 23/08/2017