PARTONO A OTTOBRE I LAVORI PER IL SECONDO STRALCIO DEL MUSEO BAILO

Il sindaco Mario Conte: «Dopo il Teatro, un altro grande passo per la valorizzazione del patrimonio culturale cittadino»

Treviso, 20 settembre 2019

Inizieranno ad ottobre i lavori di ristrutturazione dell’ala nord del Museo Bailo, che vedrà un ampliamento dell’intero polo attraverso la riqualificazione di tutte le sale che si affacciano sul chiostro grande. Un’opera che, di fatto, permetterà il rilancio di un’istituzione museale molto importante per il territorio. 

Ad aggiudicarsi la gara d’appalto per la realizzazione, indetta il 28 febbraio 2019 sull’importo base di 2 milioni e 360 mila euro, è stato il raggruppamento temporaneo di imprese composto da Lares Srl di Venezia e Bettiol di Bolzano che ha offerto un ribasso dell’11,59%.

Nei prossimi giorni l’assessore ai Lavori Pubblici Sandro Zampese incontrerà le ditte per la programmazione dei lavori che dureranno circa 420 giorni.

«Si tratta di un intervento molto importante che darà la possibilità di valorizzare ulteriormente il nostro patrimonio museale», le parole del sindaco Mario Conte. «Una Città come Treviso che vuole eccellere nel campo della cultura, come ha già dimostrato con i grandi eventi, le mostre e il nuovo corso del teatro e attirare sempre più visitatori e appassionati d’arte deve offrire strutture all’altezza: il Bailo è già un’eccellenza, ma con il secondo stralcio lo sarà ancora di più. Treviso vuole essere una capitale culturale e questo salto di qualità passa attraverso opere di rilievo come questa».

«Dopo aver inaugurato la nuova stagione teatrale che, di fatto, assicura ai trevigiani un’importante istituzione culturale, arriverà anche il completamento del Museo Bailo, polo che lavorava a mezzo servizio», afferma l’assessore ai Lavori Pubblici Sandro Zampese. «Questo intervento permetterà di rendere funzionale un’ala particolarmente ampia della struttura, che diventerà una risorsa non solo per Treviso ma per tutto il territorio».

Data ultima modifica: 25/09/2019