POLIZIA LOCALE, NUOVI ESPERIMENTI SULLA VIABILITA’ DEL PUT

Questa mattina gli agenti sono stati impegnati in alcuni snodi viari modificando con viabilità manuale le tempistiche dei semafori

Nuovi esperimenti sulla viabilità del PUT: questa mattina, dalle 7.15 alle 8.45, una decina di agenti della Polizia Locale è stata posizionata in alcuni snodi viari del PUT, in modo particolare nei pressi di Porta Carlo Alberto, sullo svincolo del Terraglio e sulla zona Dal Negro, per la modifica con viabilità manuale delle tempistiche dei semafori (con durata più breve dei transiti), facendo immettere un flusso alla volta verso il PUT e frazionando il transito dei pedoni. «L’esperimento», sottolinea il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo, «ha dato spunti molto interessanti e, sulla base dei primi dati raccolti, ha reso la circolazione più fluida del solito». L’esperimento, visionato sul posto dal comandante Gallo e dalla Mobility Manager del Comune Michela Mingardo, fa parte di una serie di test del Comando di Polizia Locale, in accordo con il sindaco, per cercare di ovviare, nelle ore di punta del traffico, ai forti rallentamenti che si registrano per chi vuole impegnare le direttrici principali del centro di Treviso nelle prime ore del mattino. «Si tratta di un primo test», prosegue il dirigente, «che rappresenta una importante base di lavoro per ottimizzare ulteriormente i flussi di traffico e cercare di evitare, il più possibile, le congestioni della viabilità». Durante i 90 minuti di test non si sono verificate code statiche ma i flussi veicolari hanno sempre marciato in movimento. L’intero PUT è stato percorso in 13 minuti e alcuni utenti hanno confermato di aver accorciato i tempi di attesa in modo sensibile. «Effettueremo nuovi test nei prossimi giorni», annuncia Gallo, «non solo nell’orario di punta del mattino ma anche in orario compreso tra le 17 e le 18.30».

Data ultima modifica: 22/05/2019