STRETTA SU SOVRAFFOLLAMENTO E DEGRADO NEGLI IMMOBILI LOCATI

Sopralluoghi in mattinata per il sindaco Mario Conte e il Comandante della PL Andrea Gallo: «Un protocollo per disciplinare e sanzionare proprietari e inquilini»

Treviso, 11 marzo 2019

Questa mattina il sindaco di Treviso Mario Conte e il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo hanno effettuato alcuni sopralluoghi nelle zone della città in cui sono state segnalate situazioni di sovraffollamento, allacciamenti abusivi, degrado (rifiuti, bombole del gas senza alcuna certificazione o esposte al sole), movimenti e andirivieni sospetti – posti in atto da stranieri di diverse nazionalità – all’interno di appartamenti concessi in locazione.
Ciò ha determinato la necessità di implementare i controlli sugli immobili, spesso e volentieri locati o concessi in comodato senza alcun vaglio precauzionale da parte degli intestatari: «Quando i proprietari danno in locazione un immobile non possono esimersi dal controllare le persone che vanno ad occuparli», spiega il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo. «Questi, infatti, sono altrettanto responsabili laddove si verifichino situazioni di sovraffollamento e degrado». Mario Conte e Andrea Gallo hanno fatto visita ad una palazzina di Santa Maria del Rovere: «Convocheremo in Comando i proprietari e chiederemo loro di esibire tutta la documentazione, dai contratti di locazione o di comodato ai pagamenti delle utenze elettriche, acqua e gas. E così faremo con tutte le altre situazioni critiche».
Il sindaco Mario Conte annuncia una stretta: «Verrà proposta una modifica del regolamento di Polizia urbana per definire, secondo parametri ben definiti, il sovraffollamento e le eventuali sanzioni, sia per i proprietari che per gli inquilini», le sue parole. «Stiamo pensando anche ad un apposito protocollo che vada a disciplinare la casistica e sanzionare chi non è in regola: non possiamo tollerare che in città ci siano immobili con 10-15 persone in pochi metri quadrati»

Data ultima modifica: 25/03/2019