deutschfrancaisenglishitaliano
logo-itinerari
ITINERARI IN CITTÀ
SITI ARTISTICISITI
ARTISTICI
ITINERARIO CLASSICOITINERARIO
CLASSICO
ITINERARIO NATURALISTICOITINERARIO
NATURALISTICO
Treviso ha molti edifici che parlano del significativo ruolo culturale che la città ricoprì nei secoli: ebbe un’università, due Papi e molti artisti e letterati che contribuirono a definirla “piccola Atene”. Non basta un giorno per visitare tutte le Chiese, i Musei, i Palazzi: nella mappa sono numerati gli edifici più importanti in modo che possiate creare il Vostro percorso.
Treviso è racchiusa entro le Mura Rinascimentali che formano un quadrilatero nel cui centro vi è Piazza dei Signori. L’aspetto è quello di una cittadina medievale di pianura con piccole calli e case che spesso si affacciano sulle acque dei numerosi canali. L’itinerario proposto parte dalla Stazione Ferroviaria e tocca i luoghi che testimoniano il carattere della città: piazze, portici, canali, case affrescate, palazzi e chiese principali.
Treviso è spesso definita “Piccola Venezia”. É infatti circondata e attraversata da due fiumi: il Sile e il Botteniga, o Cagnan come riportato da Dante nel IX Canto del Paradiso della Divina Commedia. L’itinerario parte dalla Stazione Ferroviaria e attraversa la città toccando le aree verdi e i canali fino ad arrivare in via Alzaia, la “Restera”. Da qui si può continuare la passeggiata o proseguire in bicicletta per chilometri, fiancheggiando il Sile.
 
ITINERARIO ROMANTICOITINERARIO
ROMANTICO
ITINERARIO TOMASOITINERARIO
TOMASO
LA GRANDE GUERRALA GRANDE
GUERRA
Treviso, all’ora del crepuscolo, si anima: piazze e bar sono il luogo di ritrovo di giovani e cittadini che conversano sorseggiando uno spritz, il tipico aperitivo. Anche le luci, che spesso si riflettono sulle acque, creano una suggestiva atmosfera. La proposta invita a passeggiare tranquillamente di sera nel cuore antico del centro storico tra le piccole viuzze e sotto i portici scoprendo il fascino di una città anche al chiaro di luna.
Tomaso da Modena, vissuto nel cuore del ‘300, è stato un grande innovatore nella storia dell’arte: senso della prospettiva e volti particolarmente espressivi sono i suoi principali tratti distintivi. Realizzò a Treviso quasi tutte le sue opere, tra cui la prima immagine degli occhiali nella storia dell’arte. L’itinerario proposto tocca tutti i luoghi cittadini dove sono visibili i suoi capolavori.
Nel 1905 Treviso diventa il maggior centro militare dell’Italia del nord. Proprio qui passavano le linee ferroviarie che portavano i soldati al fronte. Alcuni luoghi vennero attrezzati come ospedali da campo o ricoveri dei profughi e molte costruzioni furono seriamente danneggiate. Nella mappa sono numerati i siti colpiti dai bombardamenti aerei, poi restaurati o completamente ricostruiti. Le tracce della Guerra non sono più visibili; si propone un elenco per non dimenticare.
 
I corsi d’acqua che la attraversano, i luoghi dell’arte e della cultura, la cucina e i prodotti tipici locali. La città di Treviso è una scoperta continua: per i turisti, ma anche per coloro che la vivono ogni giorno. Sono felice di darvi il mio benvenuto nella nostra città che, siamo certi, saprà affascinarvi.

Giovanni Manildo


Sono orgoglioso di dare il benvenuto a tutti coloro che nel percorrere le vie della nostra città scopriranno la bellezza di questi luoghi e l’ospitalità dei suoi abitanti. Una visita ai musei, alle chiese e alle tante grandi e piccole bellezze di Treviso lascerà in tutti il desiderio di tornarvi.

Luciano Franchin