Valutazione di Incidenza Ambientale (V.INC.A.)


La rete ecologica europea “Natura 2000” si compone di aree protette (parchi e riserve) in funzione della presenza e rappresentatività sul territorio di habitat, specie vegetali e animali peculiari, a tutela della biodiversità.

Le aree protette che compongono la rete sono i Siti di Importanza Comunitaria (S.I.C.), le Zone Speciali di Conservazione (Z.S.C.) e le Zone di Protezione Speciale (Z.P.S.).

L’Autorità competente al rilascio dell’approvazione di un piano, progetto o intervento sul territorio che abbia potenziali effetti negativi su un sito protetto deve acquisire preventivamente la valutazione di incidenza ambientale e l’esito della procedura assume efficacia vincolante nei confronti del provvedimento di approvazione finale del piano, progetto o intervento.

La Valutazione di Incidenza Ambientale (V.INC.A) istituita dall’art. 5 del Decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357 “Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche e ss.mm.ii. è dunque uno strumento di prevenzione che analizza gli effetti di piani, progetti o interventi per i quali sia possibile un’incidenza significativamente negativa sui siti che costituiscono la rete europea “Natura 2000”, tenendo conto degli obiettivi di conservazione stabiliti per ciascun sito.

Per il Comune di Treviso i siti appartenenti alla rete “Natura 2000” individuati nell’elaborato del P.A.T.[1] denominato “R10 – Valutazione di Incidenza Ambientale nello specifico sono:

  • SIC IT3240028 “Fiume Sile dalle sorgenti a Treviso Ovest”
  • SIC IT3240031 “Fiume Sile da Treviso est a San Michele Vecchio”
  • ZPS IT3240019 “Fiume Sile morto e ansa a San Michele Vecchio”.

La valutazione di incidenza si applica a:

  • Piani Urbanistici Attuativi in tutto il territorio comunale
  • Accordi di programma in tutto il territorio comunale
  • Programmi complessi ai sensi dell’art. 20.6 delle Norme tecniche di attuazione del P.A.T. e individuati nell’elaborato del P.A.T. T04 “Carta delle trasformabilità, azioni strategiche, valori e tutele”
  • Interventi in ambiti le cui aree di incidenza potenziale coinvolgono i siti di Rete Natura 2000 ricadenti all’interno del territorio comunale ai sensi dell’artt. 20.2, 20.3, 20.4, 20.5 delle Norme Tecniche di Attuazione del P.A.T. e individuati all’Appendice 4, Appendice 4A, Appendice 4B, Appendice 4C, Appendice 5 e Appendice 6 dell’elaborato del P.A.T. “R10 – Valutazione di Incidenza Ambientale

Il comma 5 dell’articolo 5 del D.P.R. 8 settembre 1997, n. 357 e ss.mm.ii. affida poi alle Regioni alcuni compiti particolari per rendere operativa a livello regionale la procedura di valutazione di incidenza ovvero:

  • la definizione delle modalità di presentazione e di elaborazione dello studio di incidenza, nel rispetto degli indirizzi di cui all’Allegato G del D.P.R. 357/97;
  • l’individuazione delle autorità competenti alla verifica dello studio di incidenza.

La Regione Veneto ha disciplinato la V.Inc.A. con l’Allegato A alla Deliberazione della Giunta Regionale Veneto n. 2299 del 9 dicembre 2014 “Nuove disposizioni relative all’attuazione della direttiva comunitaria 92/43/Cee e D.P.R. 357/1997 e ss.mm.ii.. Guida metodologica per la valutazione di incidenza. Procedure e modalità operative” 

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito della Regione Veneto.

 

 

[1] Il Piano di Assetto del Territorio (P.A.T.) del Comune di Treviso è stato approvato dalla Conferenza dei Servizi in data 27/05/2015, prot. 59853, ratificato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. 200 in data 08/06/2015, e pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto (BUR) n. 66 in data 03/07/2015.

 

Per fare segnalazioni e proposte sui contenuti del S.U.E. online contattateci all’indirizzo di posta elettronica “prontoweb.sue@comune.treviso.it